Il Funaro da inizio ad un laboratorio di scrittura all’interno della Casa Circondariale di Pistoia

Il Funaro da inizio ad un laboratorio di scrittura all’interno della Casa Circondariale di Pistoia


Si avvia quest’anno una collaborazione fra la Casa Circondariale di Pistoia e Funaro. Liliana Lupaioli, incaricata dal Provveditorato dell’Amministrazione penitenziaria di riorganizzare alcune attività; educative rivolte ai detenuti della CC di Pistoia, ha contattato per conto della Direzione Gianni Cascone, che da anni conduce laboratori di scrittura presso Il Funaro, per proporre l’avvio di una analoga esperienza fra le mura dell’istituto penitenziario.
Nel mese di settembre, grazie alla sensibilità dell’Assessore alla Cultura della Provincia di Pistoia, Lidia Martini, Gianni Cascone darà quindi inizio ad una esperienza nuova per i detenuti del carcere, una esperienza con finalità espressive che si auspica possa sostenere gli ospiti della casa circondariale nel loro percorso di riflessione e indirettamente offrire strumenti utili al loro reinserimento sociale. L’iniziativa conferisce ulteriore valore all’attività; della biblioteca interna, recentemente riaperta e arricchita dei tremila volumi donati dalla cittadinanza pistoiese, attualmente in via di sistemazione grazie al contributo della Biblioteca San Giorgio di Pistoia. Il Funaro conferma il proprio ruolo di punto di riferimento culturale per la città, comprendendo fra i suoi destinatari cittadini troppo spesso esclusi.



Torna alle news