Da giovedì 13 maggio a mercoledì 9 giugno Pochi ma buoni, un mini cartellone di spettacoli, incontri e musica per ritrovarsi.

“Pochi ma buoni” è il titolo di una serie di appuntamenti fra spettacoli per adulti e bambini, musica e incontri, con cui il Funaro, da giovedì 13 maggio a mercoledì 9 giugno riapre le porte agli spettatori anche se in numero ridotto per via delle precauzioni sanitarie. I protagonisti del mini cartellone tutto toscano collaborano da tempo, a vario titolo con il centro pistoiese: una scelta che esprime la volontà di sostenere il lavoro artistico di professionisti con cui il rapporto si è interrotto da oltre un anno.


Giovedì prossimo 13 maggio, alle 19.30, il Funaro di Pistoia torna in scena con “Pochi ma buoni”. Inizia infatti un mini cartellone composto da spettacoli per adulti e bambini, incontri e musica pensato per riaprire le porte al pubblico, per ritrovarsi dopo molti mesi di assenza e oltre un anno di programmazione mancata. Il primo appuntamento è dedicato a “Leggiamo poi si vedrà”: Massimiliano Barbini introdurrà “Rumori fuori scena”, la commedia di Michael Frayn su cui si basa il film di Peter Bogdanovich, che subito dopo verrà proiettato. Questa serata sarà preceduta da un aperitivo incluso nel prezzo del biglietto (€ 12). Giovedì 20 maggio, ancora Massimiliano Barbini condurrà “Shakespeare da tavolo”: trenta minuti a disposizione per raccontare Shakespeare e “Il racconto di inverno”. Questa serata, come la precedente prevede un aperitivo incluso nel prezzo del biglietto (€ 12). Completano la sezione dedicata agli incontri gli appuntamenti del 27 maggio (ore 19.30) e del 9 giugno (ore 17.00): lo scrittore Gianni Cascone presenterà due reading dal titolo “Distanze”, esito del laboratorio di scrittura creativa da lui curato al Funaro e di quello realizzato in collaborazione con USL Toscana Centro servizio UFC Salute Mentale Adulti. I partecipanti dei laboratori, che in questi mesi sono proseguiti online, interpreteranno i testi da loro scritti a partire dal tema dell’ascolto, di noi stessi, degli altri e del mondo, possibilità ritrovata nella distanza sociale causata dalla pandemia.


Tre gli spettacoli in programma: si parte venerdì 21 maggio, alle ore 20.00 con “Dal profondo del mio cuore”, di e con Annibale Pavone, si proseguirà venerdì 28 maggio, alle ore 19.30 con “E noi fra di voi”, con Massimo Grigò e Silvia Guidi e si concluderà il 3 giugno, alle ore 20.00 con “Bella Bestia”, con Francesca Sarteanesi e Luisa Bosi. Il primo titolo è tratto da “De Profundis”, di Oscar Wilde: forse una delle più lunghe lettere mai scritte, la dichiarazione per l’uomo che l’epoca non gli aveva consentito di amare, lo sfogo dell’autore dal carcere dove era stato rinchiuso. Wilde attraversa la storia con Lord Alfred Douglas, l’amato, attacca l’amante, se stesso, tira le somme, consiglia, rimpiange, si strazia, si libera. E’ un’apologia dell’amore che tutto innalza e tutto distrugge. Lo spettacolo richiama tematiche anche contemporanee soffermandosi sulla violenza di stereotipi, pregiudizi e emarginazione sociale e sulla sofferenza che procurano gli “amori sbagliati”. Tutt’altra atmosfera quella di “E noi fra di voi”: parafrasando il titolo della famosa canzone di Aznavour del 1971, ripercorre quella che è stata la colonna sonora degli anni ’70 e ’80 per molti italiani. Da “Minuetto” a “La prima cosa bella”, da Don Backy a Patty Pravo, una carrellata di poesia, teatro e musica alla scoperta dei nostri migliori parolieri. Sul palco Massimo Grigò e Silvia Guidi, si avvicinano, si allontanano, si amano complici o si detestano come amanti traditi, sulle note e le parole di canzoni che sono anche poesie. “Bella bestia” chiude il terzetto portando il pubblico alla scoperta di una creatura che un giorno arriva e scombina i piani, inverte i giorni, cambia significato alle parole, non dà pace e procura sorprese, esattamente come le due travolgenti autrici e attrici, che hanno debuttato con lo spettacolo nel giugno 2019 al Festival “Inequilibrio” di Castiglioncello, registrando un successo di pubblico e di critica e che con questo lavoro hanno deciso di sperimentare nuove strade e di confrontarsi a partire da vicende autobiografiche. E’ un viaggio – riflessione, tra vita reale e realtà immaginaria, nell’intimità di due donne attraverso una drammaturgia che colpisce per il dialogo serrato, quotidiano e un po’ surreale.


Nel mini cartellone non mancano gli spettacoli per i bambini e le famiglie: il 22 maggio, alle ore 17.00 andrà in scena “Fiabe Toscane” di Toscana Media Arte, regia di Ornella Esposito, in scena con Elisa Consagra, per bambini dai 3 ai 10 anni. Protagonista sarà la narrazione classica e divertente di alcune tra le più famose fiabe della tradizione orale toscana per ritrovare nelle radici della fiaba le difficoltà del crescere e del rapportarsi con gli adulti. I bambini verranno coinvolti in un gioco di immedesimazione nel quale la partecipazione e la risposta sono attive, in cui si gioca e parteggiare per il proprio protagonista preferito. Il 5 giugno è in programma “Nuvola”, nome del clown protagonista della messa in scena, che spesso capisce le cose al contrario. Magia, musica e ventriloquismo porteranno i bambini in un mondo pieno di sorprese e imprevisti, cui dovranno porre rimedio inventando soluzioni con la protagonista, sulla scena. Sempre per i bambini torna l’amato appuntamento con il Raccontamerende il 15 e 29 maggio, alle ore 17.00. Il primo appuntamento è dedicato ai bambini tra i 6 e 10 anni e sarà condotto da Giovanni Carli, il secondo è pensato per la fascia di età fra i 4 e gli 8 anni e sarà a cura di Massimiliano Barbini e Rossana Dolfi. I racconti saranno seguiti da una gustosa merenda servita nella corte del Funaro.


Completa la programmazione un appuntamento musicale. Il 4 giugno, alle ore 20.00 vanno in scena i Talking Ties. Una serata frizzante e divertente, a cura di Swing Mood che avvicina il grande pubblico alla musica swing, grazie alle doti canore e polistrumentistiche dei suoi componenti ovvero Giovanni Gargini (voce, washboard, batteria), Bernardo Sacconi (voce, chitarra, contrabbasso, pianoforte) e Charles Ferris (tuba, tromba, trombone). Il repertorio spazia da grandi classici del Jazz cantati da Nat “King” Cole, Frank Sinatra e Louis Armstrong, a rivisitazioni in chiave swing di brani pop italiani e internazionali. Questa serata, come la precedente prevede un aperitivo incluso nel prezzo del biglietto (€ 12).



Dodici appuntamenti, “Pochi ma speriamo buoni per una ripartenza a piccoli gruppi di spettatori, ripartenza cauta ma gioiosa”, dichiarano dal Funaro. Il mercoledì, giovedì, venerdì e sabato gli eventi saranno preceduti dalla possibilità di prendere un aperitivo nella corte del Funaro, dalle ore 19.00. Il calendario completo degli appuntamenti e prezzi di accesso si possono trovare all’indirizzo http://www.ilfunaro.org/?page_id=21. Ingressi a prezzo ridotto per i tesserati del Funaro e Abbonati Teatri di Pistoia, Stagione Fondazione Pistoiese Promusica, i membri Institut Français di Firenze, i Soci FAI, Slow Food Pistoia, Touring Club Italiano, i visitatori Centro Guide Turismo Pistoia. La prenotazione, considerato il numero di limitato di ingressi è obbligatoria.


Per informazioni e prenotazioni: 0573 977225, dal martedì al venerdì dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 16.00 alle 19.00 (lunedì chiuso) e info@ilfunaro.org.